Premio GiovedìScienza 2020

Letto finora

Premio GiovedìScienza 2020

28 Maggio 2020

Selezionati i 10 candidati che parteciperanno alla fase finale della IX edizione che si svolgerà il 23 settembre a Torino.

Premio GiovedìScienza 2020

Sono stati selezionati i 10 candidati che parteciperanno alla fase finale della 9ª edizione del Premio GiovedìScienza: in totale sono stati 64 le giovani ricercatrici e ricercatori che hanno presentato le loro candidature, provenienti da 9 regioni: Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto.
La competizione finale si svolgerà il 23 settembre 2020 a Torino presso la sede di Unimanagement – Unicredit in via XX Settembre n. 29. L’evento sarà organizzato nel rispetto dei criteri di sicurezza e delle misure restrittive in vigore nel mese di settembre a seguito delle quali saranno comunicate le modalità adottate.

La Commissione, dopo attento esame delle schede di valutazione, ha selezionato per la fase finale della competizione i seguenti candidati, rigorosamente in ordine alfabetico:

  • Giovanni Baccolo
  • Matteo Bertagni
  • Eleonora Conca
  • Erika Dematteis
  • Veronica Ferrero
  • Marilena Marraudino
  • Marco Miniaci
  • Emanuele Penocchio
  • Arianna Sala
  • Livia Soffi

L’obiettivo del premio è quello di incoraggiare l'impegno e l'attenzione dei protagonisti della ricerca per la comunicazione della scienza.
I riconoscimenti assegnati saranno quattro:

  • premio GiovedìScienza con un riconoscimento di 5.000,00 euro e una conferenza dedicata nella prossima edizione di GiovedìScienza;
  • premio Futuro con un riconoscimento di 3.000,00 euro insieme ad un percorso finalizzato allo sviluppo del progetto;
  • premio Industria 4.0 con un riconoscimento di 3.000,00 euro insieme ad un percorso finalizzato allo sviluppo del progetto;
  • premio speciale Elena Benaduce con un riconoscimento di 3.000,00 euro.

La competizione scientifica si inserisce nella cornice più ampia di GiovedìScienza, che si propone di fornire gli strumenti per comprendere i grandi temi della ricerca, con l'intento di stimolare la sperimentazione di nuovi linguaggi utili alla divulgazione scientifica, creando occasioni di incontro e dialogo tra scienziati e grande pubblico.

(28 maggio 2020)